Archivi tag: partecipazione

Lettera Aperta alla Sindaca di Torino Chiara Appendino

Alla cortese attenzione della Sindaca della Città di Torino Chiara Appendino
Gentile Sindaca,
a sei mesi dal suo insediamento e alla luce di alcune decisioni poco confacenti alla salvaguardia dei Beni Comuni, come quelle sul Parco Michelotti e l’area ex Westinghouse – condizionate dalle scelte della passata Amministrazione e imposte da esigenze di bilancio – siamo preoccupati per le sorti della Cavallerizza Reale.
Le chiediamo quindi una Sua espressione di volontà volta a non riconoscere ufficialmente il Masterplan, commissionato da Compagnia di San Paolo e presentato nella competente Commissione Consiliare dall’arch. Robiglio la primavera scorsa, nonché qualunque altro progetto che non abbia visto la partecipazione della Cittadinanza.
Pur in assenza di qualunque presa d’atto da parte dell’Amministrazione comunale, né di approvazioni da parte di altri Enti competenti, il succitato Masterplan ha avuto ampia visibilità sugli organi di stampa, grazie anche alla promozione svolta dall’allora sindaco Fassino, e viene tuttora considerato l’unico riferimento progettuale per la “valorizzazione” della Cavallerizza Reale.
Le chiediamo inoltre di disconoscere il Protocollo di Intesa per la valorizzazione della Cavallerizza, cofirmato dal Comune di Torino, che prevede nell’art. 6 una clausola di riservatezza che non consente la partecipazione dei cittadini.
Alla luce delle recenti dichiarazioni del presidente del Teatro Stabile di Torino, siamo preoccupati per il futuro dell’intero complesso della Cavallerizza Reale.
Ci permettiamo di ricordarLe che nel maggio 2014 l’Assemblea Cavallerizza 14:45 ha promosso un appello alla Cittadinanza – che ha risposto con 10 mila firme – in cui si chiede che:
il complesso della Cavallerizza venga rimosso dal programma di cartolarizzazione del Comune di Torino, affinché tutto il complesso ritorni di proprietà pubblica;
gli immobili della Cavallerizza, in quanto Patrimonio della Città e dell’Umanità, rimangano sempre aperti ed accessibili a tutti i Cittadini, la loro destinazione sia legata ad una funzione pubblica e ad una fruizione collettiva; che ne sia conservata e potenziata la valenza socio-culturale e la natura di luogo di aggregazione; che usi impropri di carattere privato e speculativo siano considerati del tutto incompatibili e inaccettabili;
il futuro della Cavallerizza venga deciso attraverso processi di gestione e progettazione partecipata con la Cittadinanza e che, in questa prospettiva, la destinazione degli immobili venga decisa in base alle esigenze reali dei Cittadini affinché questo luogo torni ad essere uno dei cuori pulsanti della Città.
Ci auguriamo dunque che la Vostra presenza rappresenti un vento di cambiamento nelle logiche di governo, che questo sia l’inizio di un virtuoso percorso di dialogo e lavoro condiviso tra Cittadinanza e Amministrazione della Città, affinché si preservi la natura di Bene Comune dell’intero complesso e sia riconosciuto il valore culturale e sociale del processo di partecipazione cittadina che ha preso vita e vive nella Cavallerizza Reale di Torino.
Certi che vorrà accogliere queste nostre richieste, Le porgiamo cordiali saluti.
Assemblea Cavallerizza 14:45
Annunci

23 maggio 2016 – Assemblea pubblica cittadina

Il 23 maggio 2014 la Cavallerizza si riempiva di vita. Più di trecento persone occupavano e liberavano i suoi spazi. Oggi, a due anni da quell’evento riscopriamo ancora il senso dell’agire nel bene comune.
Il 23 MAGGIO 2016 alle ore 18:00 è convocata l’Assemblea Cavallerizza 14:45 per proseguire il percorso iniziato due anni fa in maniera congiunta attraverso modalità chiare, virtuose ed elaborate collettivamente.
Il Sindaco Piero Fassino e l’Assessore al Patrimonio e al Bilancio Gianguido Passoni con l’avallo del Comune di Torino usano la Cavallerizza Reale per fini elettorali. La mercificazione del patrimonio collettivo che sottende il MasterPlan, costruito come ottimo specchietto per le allodole per abbagliare i cittadini, ripropone un’immagine alterata di Torino come vetrina culturale, capitale della “gentrification”.
Negli spazi della Cavallerizza, per tutto il mese di maggio, si è invece svolto “incontra, immagina, progetta” un processo di progettualità partecipata che ha coinvolto centinaia di cittadini nell’elaborazione di proposte per lo sviluppo di una Cavallerizza rinnovata.
Assemblea Cavallerizza 14:45 continua a credere che siano le persone che abitano la città a doversi fare portatrici di contenuti e modalità differenti, rispondendo alle necessità reali della comunità.
Vi invitiamo dunque a partecipare all’assemblea di lunedì 23 maggio ore 18.00

13 -22 MAGGIO 2016 – HERE

HERE è una prima forte dichiarazione aperta da parte di artisti, curatori e volontari, di voler costruire un polo per le arti e culture contemporanee, situato in un contesto che in due anni di autogestione si sta già sviluppando in questa direzione, portando avanti collaborazioni all’interno di gruppi di lavoro eterogenei, comprendenti diverse discipline culturali ed artistiche, che lavorano in uno stato di interscambio continuo.

Continua a leggere 13 -22 MAGGIO 2016 – HERE

8 maggio 2016 – II appuntamento con INCONTRA, IMMAGINA, PROGETTA

Siamo cittadin* attiv* dell’Assemblea Cavallerizza 1445 che fanno vivere e si prendono cura della Cavallerizza; non siamo però i/le sol* che amano la Cavallerizza Reale e che hanno a cuore le sue sorti. Per questo ci vogliamo confrontare con tutte le persone che abbiano qualcosa da dire e offrire per il futuro di questo luogo attraverso un percorso di informazione, approfondimento e decisione partecipativa.

Continua a leggere 8 maggio 2016 – II appuntamento con INCONTRA, IMMAGINA, PROGETTA

1° maggio 2016 – INCONTRA, IMMAGINA, PROGETTA

Il 1° maggio dalle 15,30 ti invitiamo a:

1maggio

Siamo cittadin* attiv* dell’Assemblea Cavallerizza 1445 che fanno vivere e si prendono cura della Cavallerizza; non siamo però i/le sol* che amano la Cavallerizza Reale e che hanno a cuore le sue sorti. Per questo ci vogliamo confrontare con tutte le persone che abbiano qualcosa da dire e offrire per il futuro di questo luogo attraverso un percorso di informazione, approfondimento e decisione partecipativa.

Metodi:
saranno proposti metodi quali assemblee, tavoli di lavoro facilitati e autogestiti, focus groups e altre tecniche a seconda del numero di partecipanti presenti agli incontri

Programma:

ore 15.30-16.00 – benvenuto

ore 16.00 inizio lavori:
– presentazione degli obiettivi e dei metodi della giornata e del percorso di maggio
– aggiornamento sulle attività in corso e sull’idea del progetto Cavallerizza Irreale

ore 16.30
– raccolta di domande, critiche e proposte: in questo momento ci confronteremo sulle diverse istanze, sulle proposte sul progetto e sul processo al fine di organizzare i prossimi incontri sia da un punto di vista tematico che di metodo;
ore 17.15 – pausa

17.30
– tavoli di approfondimento tematici: ogni tavolo avrà responsabili per la facilitazione e/o domande guida e responsabili dei report che dovranno essere resi pubblici online e utilizzati come base per lo svolgimento degli incontri successivi
18:15 – pausa

18.30 – 19:30
– plenaria di condivisione dei risultati e interventi liberi

Vi attendiamo numerosi e vi ringraziamo della partecipazione e del contributo che avete portato e che porterete a questa esperienza!

 

slide progetto Progetto-CAVALLERIZZA-IRREALE_1_5_2016

report incontro Report Cavallerizza Irreale_1_Maggio_2016_

DEMOKRATIA OFF / ciclo di incontri sui processi democratici

Il controcanto di Assemblea Cavallerizza 14:45 alla Biennale Democrazia: Partecipazione Quotidiana attraverso dibattiti ad perpetuum.

DOWNLOAD PROGRAMMA (PDF 1,2 MB)
LUOGO: Cavallerizza liberata, via Verdi 9 / Teatro Manica Corta
ingresso libero

——————————

DEMOKRATIA OFF – PROGRAMMA 26 / 27 / 29 MARZO 2015
e anticipazione:

Giovedì 26 ore 17.30
Della feroce retorica del Bene e della Cooperazione sociale

Luca Rastello, scrittore, autore del libro I Buoni
con interventi di:
– Federico Altieri, ex dipendente Rear
– Operatori Sociali Non Dormienti

Venerdì 27 ore 17.30
Della Buona Scuola o dei reali percorsi di alternative possibili

Remo Rostagno, insegnante e drammaturgo, autore del libro Manifesto per una rivoluzione della scuola
con interventi di:
– Coordinamento Buona Scuola Torino (Natale Alfonso, Gianni Napoli)
– ex Comitato Zero Sei (Infanzia Bene Comune)
– Associazione MadreLingua c/o Scuola dell’Infanzia Europea di Torino (Sabrina Di Carlo)

Domenica 29 ore 14.00
Delle Democrazia diretta e delle Resistenze resistenti

con interventi di:
– Comitato Partecipazione Attiva (Paolo Pellegrino, Elisabetta Savaglio): presentazione di una Delibera per un Referendum propositivo
– Mariangela Rosolen (Comitato Acqua Pubblica Torino)

Incontri nei mesi a seguire

– Paolo Maddalena, vice presidente emerito della Corte Costituzionale, studio del diritto ambientale, autore del libro Il territorio. Bene Comune degli italiani
– Erri De Luca, scrittore, autore del libro La parola contraria

SI 4 BIEN off 2

 

FORUM DELLE IDEE – Cavallerizza Porte Aperte – Venerdì 27, sabato 28 febbraio e domenica 1 marzo

FORUM DELLE IDEE
Cavallerizza Porte Aperte
Venerdì 27, sabato 28 febbraio e domenica 1 marzo

(Evento Facebook: http://www.facebook.com/events/1548647218743797)

Dopo otto mesi di occupazione, Assemblea Cavallerizza 14:45 invita la cittadinanza al FORUM DELLE IDEE: tre giorni di musica, teatro, cene sociali ma soprattutto percorsi partecipativi per immaginare e costruire insieme il futuro della Cavallerizza!

3 giorni per visitare tutti gli spazi della Cavallerizza, da quelli che sono aperti quotidianamente, al maneggio, alle decine di appartamenti abbandonati ai piani superiori…
3 giorni di incontri, dibattiti, concerti, spettacoli, cene sociali, attività per i/le più piccoli/e…
3 giorni per immaginare e costruire il futuro della Cavallerizza, dal basso, oltre l’abbandono!

PROGRAMMA

Durante i giorni delle Porte Aperte potrete esprimere i vostri sogni, desideri e idee per la Cavallerizza in contenitori appositi. Le idee raccolte verranno poi riprese nel processo partecipativo dei seguenti mesi.

Saranno inoltre sempre visibili le esposizioni su:
Pirate Dream Tour – viaggio negli spazi occupati d’Europa alla ricerca di sogni pirata – Prima tappa: Cavallerizza reale Torino
– la storia dell’Assemblea Cavallerizza 14:45 e dell’occupazione in particolare
– città e decrescita (a cura del Circolo per la decrescita felice di Torino)

— Venerdì 27 Febbraio —

Ore 21.00
Come agisce l’amministrazione su trasformazioni urbane, gestione dei beni comuni? (Dibattito)
con:
Ugo Mattei, Prof. di Diritto Civile (Università degli studi di Torino
Gianni Vattimo, (Università degli studi di Torino)
Guido Montanari, Prof. di Storia dell’architettura (Politecnico di Torino)
Teatro

— Sabato 28 Febbraio —

Ore 11.00
Forum dei bambini: Laboratori creativi per i più piccoli inventori di sogni…Racconti e animazione per conoscere gli spazi inesplorati della Cavallerizza reale…Pic nic e merende da condividere tutti insieme.

Visita guidata della Cavallerizza Reale con il dott. Giovanni Lupo: * Professore ordinario i.q. di storia dell’architettura del Politecnico di Torino

ore 12:00
Mercato Genuino Clandestino
[cortile, portici]

Ore 15.00
Visita guidata della Cavallerizza Reale con il prof. Giovanni Lupo*

Ore 16.00
Trasformazioni urbane e percorsi di progettazione partecipata: come agisce l’amministrazione della nostra città? E come si gestiscono invece altrove? (Dibattito)
con: Comitato SniaRischiosa, Comitato Dora Spina 3, Arch.Ianira Vassallo dottoranda in Politiche Pubbliche e Pianificazione Territoriale presso lo IUAV di Venezia
[Foyer del Maneggio]

Ore 19.30
Merenda Sinoira con musica
[Foyer della Manica Corta]

Ore 21.00
“Il Teatro ai tempi della dittatura”
Conferenza-Spettacolo diretta da Domenico Castaldo

Ore 23.00
BestieRare in concerto!
Presentazione nuovo album
(per dettagli: www.facebook.com/events/778823725532228)
[Manica Lunga]

— Domenica 1 marzo —

Ore 11.00
Forum dei bambini: Laboratori creativi per i piccoli inventori di sogni… Racconti e animazione per conoscere gli spazi inesplorati della Cavallerizza reale… Pic nic e merende da condividere tutti insieme

Visita guidata della Cavallerizza Reale con il prof. Giovanni Lupo *

Ore 12.00
Mercato Genuino Clandestino
[cortile, portici]

Ore 15.00
Visita guidata della Cavallerizza Reale con il prof. Giovanni Lupo *

Ore 17.00
Albero delle idee – Sogni e Bisogni della piazza Cavallerizza: un iniziativa di creazione collettiva per immaginare insieme una Cavallerizza di tutti e per tutti!
Con la partecipazione e contributi di:
– Piero Gilardi: Artista
– Elio Germano: Attore
– Angelo D’orsi: prof. di Storia del pensiero politico contemporaneo nell’Università di Torino
– Giovanni Semi: prof. di Sociologia dei processi urbani all’Università di Torino
– Salvatore Cominu: ricercatore
– Giovanni Lupo: Professore ordinario i.q. di storia dell’architettura del Politecnico di Torino
– Anna Gilibert: Tecnologa dei materiali
– Luisa Valente: Insegnante I.q di architettura al 1°liceo artistico
– Sistema Torino
– Silvia Lorenzo: cantante, attrice
– Ass.Cavallerizza 14:45: il percorso partecipativo dei prossimi mesi
[Teatro Manica Corta]

Ore 20.00
Estratto Figurelle – Laboratorio Permanente di Ricerca sull’Arte dell’Attore di Domenico Castaldo
[Teatro]

Ore 22.00
EUGENIO FINARDI IN CONCERTO!
https://www.facebook.com/events/419063601603771/

Dopo otto mesi di occupazione, Assemblea Cavallerizza 14:45 invita la cittadinanza al FORUM DELLE IDEE: tre giorni di musica, teatro, cene sociali ma soprattutto percorsi partecipativi per immaginare e costruire insieme il futuro della Cavallerizza!
In questi 8 mesi già numerose idee sono state proposte e molte realizzate, il complesso da maggio scorso ha ricominciato a vivere e ad essere vissuto e attraversato. Il Comune, dopo anni di indifferenza, sta ora proponendo destinazioni d’uso per questo luogo, senza tenere conto di quello che lo spazio è, ed è diventato, ma soprattutto dei bisogni degli abitanti della città.
Crediamo che l’abbandono a cui è stata costretta la Cavallerizza abbia contribuito all’arricchimento di chi oggi immagina ostelli, negozi luccicanti e residenze private.
Noi invece vogliamo proporre qualcos’altro, vogliamo immaginare e provare a realizzare una Cavallerizza che sia realmente aperta a tutta la cittadinanza.
Quello che immaginiamo è la costruzione collettiva di spazi e immaginari differenti.
Vogliamo che chi abita questa città possa visitare il cortile, attraversare i portici, ascoltare musica immerso nei giardini reali.
Vogliamo che ognuno senta come proprio il palcoscenico, che ognuno suoni il pianoforte nel foyer aspettando l’inizio del concerto.
Vogliamo che i/le bambini/e possano pensare alla Cavallerizza come luogo proprio, dove partecipare ai laboratori e alle attività organizzate.
Vogliamo che il futuro della Cavallerizza non venga deciso sulla testa dei suoi abitanti dall’amministrazione comunale, dopo anni di indebitamento delle casse cittadine e di dismissione dei servizi pubblici.

Desideriamo che la terra, la cultura, la città siano nostre e di tutti/e.

3 giorni per visitare tutti gli spazi della Cavallerizza, da quelli che sono aperti quotidianamente, al maneggio, alle decine di appartamenti abbandonati ai piani superiori…
3 giorni di incontri, dibattiti, concerti, spettacoli, cene sociali, attività per i/le più piccoli/e…
3 giorni per immaginare e costruire il futuro della Cavallerizza, dal basso, oltre l’abbandono!

adesivo forum

16 Luglio Assemblea Cittadina – QUALE FUTURO PER LA CAVALLERIZZA?

MERCOLEDì 16 LUGLIO, ORE 18:30
ASSEMBLEA CITTADINA – INVITO PER TUTTI
nel Cortile della Cavallerizza Reale – Live stream (youtube)

In queste settimane si sono tenuti diversi momenti di confronto tra consiglieri e assessori del Comune e una delegazione dell’assemblea.
Il 16 luglio vorremmo costruire un momento di dibattito e discussione, in cui i rappresentanti dell’amministrazione spieghino davanti ad un’assemblea cittadina qual è stato il processo di messa in vendita della Cavallerizza Reale e quali sono le ipotesi per il futuro, così da informare la più ampia fetta di cittadinanza possibile e illustrare qual è stata l’interlocuzione tra il comune e l’assemblea.
Riteniamo che l’assemblea del 16 sia quindi un momento di cruciale importanza. Non solo per il confronto con gli amministratori, ma anche perché la voce della Cavallerizza non sia affidata ad una delegazione di poche persone ma sia specchio di quello che ad oggi è realmente la cavallerizza, un luogo vissuto da tantissimi abitanti di Torino.

Il 23 aprile, dopo una partecipata assemblea, abbiamo riaperto la Cavallerizza Reale. Questo luogo, che è un patrimonio d’immenso valore dal punto vista tanto storico-artistico quanto sociale, è destinato secondo il volere dell’amministrazione cittadina ad essere venduto e privatizzato. La decisione di prendere cura della Cavallerizza Reale sorge proprio per impedire questo processo e perché questo luogo possa continuare ad essere vissuto dalla cittadinanza.
Il nostro obiettivo è che s’intraprenda un percorso di progettazione e, in seguito, di gestione partecipata del complesso; un progetto che da sei settimane stiamo di fatto già vivendo e costruendo ma che vorremmo strutturare in una prospettiva sempre più concreta e realizzabile.

Chiediamo a tutti e tutte coloro che hanno attraversato la Cavallerizza anche solo per due chiacchiere al fresco dei giardini o una serata danzante, di partecipare a quest’incontro!

Costruiamo una cavallerizza che sia davvero di tutti e tutte! Usiamo questo momento di confronto come un’occasione per esprimere i nostri desideri, le nostre idee… la Cavallerizza è reale!

Per firmare on-line la petizione:
http://www.change.org/it/petizioni/fermiamo-la-vendita-della-cavallerizza-reale-restituiamola-alla-collettività-decidiamo-il-suo-futuro-insieme

Appello: Difendiamo la Cavallerizza

Ecco l’appello difendiamo la Cavallerizza da firmare su change.org!

Da venerdì 23 maggio la Cavallerizza Reale è stata riaperta alla città. Come abitanti di Torino abbiamo sentito l’esigenza di far rivivere questo meraviglioso pezzo di territorio. Da anni a questa parte, infatti, la Cavallerizza Reale versa in uno stato di degrado sempre più allarmante in seguito al suo progressivo svuotamento, iniziato con lo sfratto di tutti gli inquilini ed ultimato in novembre con la chiusura delle sale gestite dal Teatro Stabile.
Resistono solo poche attività vitali all’interno del complesso, usato ormai per lo più come parcheggio: tra queste lo storico Circolo Beni Demaniali, anch’esso sotto sfratto.

La Cavallerizza Reale è un complesso architettonico unico nel suo genere ed un bene di valore inestimabile, non solo per il suo valore storico ed artistico ma per il significato simbolico che ha assunto negli anni per la città.
È inaccettabile che questo patrimonio di memoria storica e culturale del territorio sia destinato all´abbandono, come dimostrano le pessime condizioni in cui versa, per via di una gestione incurante da parte del Comune che ha trascurato la manutenzione degli stabili. È ancor più inaccettabile che un bene pubblico da sempre attraversato e
vissuto da tutti i cittadini, un luogo di produzione di cultura per tutti gli abitanti, sia stato messo in vendita.
Attraverso un processo di cartolarizzazione, infatti, l’intera area è stata messa all’asta dal Comune di Torino, che l’aveva acquistata dal Demanio per decine di milioni e che nonostante le molte difficoltà incontrate nella ricerca di acquirenti cerca ora di vendere ad ogni costo, anche ad un prezzo decisamente e progressivamente più basso: una
svalutazione che preannuncia una nuova speculazione.

La Cavallerizza Reale è iscritta nell’elenco dei beni Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell´UNESCO come parte integrante dell´area della “Zona di comando”, parte del più ampio insieme delle residenze sabaude: per la tutela sono necessarie l’integrità fisica degli edifici e la loro fruizione pubblica in ambito culturale. Tuttavia l’amministrazione comunale nel 2012 ha deliberato che la Cavallerizza possa essere destinata a usi di carattere privato, come residenze ed esercizi commerciali. In quest’ottica, apprendiamo da La Stampa del 29 maggio che sarebbero presenti due compratori interessati al bene per farne appartamenti di lusso ed esercizi commerciali. Una simile trasformazione è prevista anche per la vicina area dei Giardini Reali, in cui si prospetta la realizzazione dell´ennesimo parcheggio interrato, riducendo un´importante area verde nel cuore della città in un giardino su soletta.
Ci troviamo pertanto di fronte ad un patrimonio della città che dovrebbe essere liberamente vissuto e frequentato da tutti i cittadini e che invece il Comune vuole svendere, privatizzare e destinare al profitto di pochi: una prospettiva che non possiamo tollerare e che ci stiamo impegnando con forza a contrastare.

Per questo:

  • chiediamo che il complesso della Cavallerizza sia rimosso dal programma di cartolarizzazione del Comune di Torino e sia immediatamente bloccata l´asta per la sua vendita, perché tutto il complesso rimanga di proprietà pubblica;
  • chiediamo che la Cavallerizza, in quanto patrimonio della città e dell’umanità, rimanga sempre aperta ed accessibile a tutti i cittadini: la destinazione degli immobili deve rimanere legata ad una funzione pubblica e ad una fruizione collettiva, ne sia conservata e potenziata la valenza socio-culturale e la natura di luogo di aggregazione; sono del tutto incompatibili e inaccettabili usi impropri di carattere privato e speculativo;
  • chiediamo che il futuro della Cavallerizza venga deciso insieme ai cittadini attraverso processi di gestione partecipativa: in questa prospettiva la destinazione degli immobili deve essere decisa in base alle esigenze reali dei cittadini affinché questo luogo torni ad essere uno dei cuori pulsanti della città.

A partire dalla Cavallerizza sentiamo infine la necessità di costruire un ragionamento collettivo sulle contraddizioni legate alle trasformazioni urbane di Torino e sulle politiche che le hanno generate, per riaffermare l´importanza della partecipazione dei cittadini nel governo del territorio.

Invitiamo pertanto tutti i cittadini a sottoscrivere questo appello ed a partecipare attivamente alle iniziative promosse per fare vivere e difendere la Cavallerizza Reale.

Per aderire, inviate una mail a: assembleacavallerizza1445@gmail.com

PicsArt_1401730771910