Archivi categoria: Uncategorized

Proposta alternativa al comitato di scopo

VERBALE DI INTESA TRA LA CITTA’ DI TORINO, LA PREFETTURA DI TORINO E LA

DELEGAZIONE PER L’ASSEMBLEA PER LA FUTURA DESTINAZIONE DEGLI SPAZI

PROPOSTA ALTERNATIVA AL COMITATO DI SCOPO PREVISTO NEL VERNALE. (LE PARTI IN ROSSO SONO LE PROPOSTE DEL COMITATO

VERBALE DI INTESA TRA LA CITTA’ DI TORINO, LA PREFETTURA DI TORINO E LA DELEGAZIONE PER L’ASSEMBLEA PER LA FUTURA DESTINAZIONE DEGLI SPAZI INDIVIDUATI ALL’INTERNO DEL COMPLESSO IMMOBILIARE DETTO DELLA “EX CAVALLERIZZA REALE”.

 

Premesso che:

Il grande complesso immobiliare sito in Torino, via Verdi 7-9, meglio conosciuta come “ex Cavallerizza Reale”, edificato tra XVII e XIX, riveste eccezionale interesse storico-architettonico, tanto che è stato dichiarato di interesse storico-architettonico particolarmente importante con D.M. del 28/05/1968 ed è iscritto dal dicembre 2007 nella lista del Patrimonio Mondiale UNESCO, come parte del sito seriale delle Residenze Sabaude.

Il 5 aprile 2003 veniva siglato un primo un protocollo di intesa tra il MEF-Agenzia del Demanio, sede centrale e la Città di Torino, che si proponeva la valorizzazione della Cavallerizza attraverso l’inserimento di numerose diverse attività, pubbliche e private.

Il 1 agosto 2005 veniva rilasciata dalla Direzione Regionale del Piemonte l’autorizzazione ad alienare il bene, condizionata al mantenimento della pubblica fruizione e alla destinazione ad attività culturali, espositive e museali, ad attività commerciali e artigianali se compatibili con il decoro monumentale e ad usi ricettivi e residenziali.

Il 21 novembre 2007 il Ministero dell’Economie e delle Finanze disponeva la vendita al Comune di Torino della parte orientale del complesso, in seguito, sempre d’intesa con l’Agenzia del Demanio, la Città approvava un programma di cartolarizzazione, e con atto del 30/12/2010, cedeva tali parti alla CCT s.r.l. – Cartolarizzazione Città di Torino, società a socio unico costituito dalla Città di Torino, ai fini della loro dismissione.

Nel 2014, alcuni gruppi ed associazioni culturali ed artistiche che hanno utilizzato il complesso, al fine di presidiarne la destinazione ad uso pubblico, hanno avviato un processo partecipativo organizzato che, peraltro, si è tradotto in una occupazione di parte del complesso, da allora destinata da alcuni occupanti anche a residenza, in assenza di titolo legittimante.

Nel 2017 Il Consiglio comunale ha approvato la Mozione n. 69/2017, 03094/002, chiedendo di richiedere alle istituzioni sovraordinate regionali, nazionali ed europee i fondi necessari a garantire il reintegro della porzione cartolarizzata della Cavallerizza reale al patrimonio della città.

Tutto ciò premesso, considerato che:

– È interesse di tutte le parti coinvolte che l’utilizzazione del complesso si svolga nel contesto dell’osservanza delle norme di legge, di rapporti condivisi e soprattutto nel quadro di piene garanzie per quanto attiene alla sicurezza e all’incolumità di qualsiasi soggetto che acceda agli spazi.

– Il complesso immobiliare versa in condizioni manutentive particolarmente delicate e necessita di importanti interventi finalizzati innanzitutto alla sua messa in sicurezza e, in una successiva fase, al suo recupero complessivo.

1.

– È interesse delle parti sottoscriventi di favorire un ampio utilizzo pubblico con iniziative aperte ai cittadini e funzioni collettive a favore del pubblico, la cui gestione potrò essere anche ricondotta al concetto di bene comune, come delineato dalle leggi e dal regolamento comunale.

– È in fase avanzata l’iter di approvazione del Regolamento dei beni comuni della Città di Torino, circostanza che consisterà di informare a tale disciplina l’utilizzazione delle parti del complesso destinate ad usi collettivi.

– Sono state attivate iniziative, anche nei confronti del Ministero competente, per il reperimento delle risorse che consentiranno di realizzare, con la massima celerità, i lavori di restauro e di messa in sicurezza sul complesso per una compiuta riqualificazione ed una pubblica fruizione di locali stessi.

– La realizzazione degli interventi di cui al punto precedente, fondamentale a garantire un impiego in sicurezza degli spazi, non potrà avere svolgimento se non al momento in cui il complesso immobiliare risulti completamente libero da persone e cose.

Le parti sottoscriventi, concordando su quanto precede, si impegnano a dare luogo alle seguenti azioni:

LA DELEGAZIONE DELL’ASSEMBLEA, in rappresentanza degli attuali utilizzatori dell’assemblea pubblica, a:

1) Creare, entro e non oltre 10 giorni dalla sottoscrizione, un comitato di scopo – o altra realtà collettiva dotata di soggettività giuridica – rappresentativo della comunità artistica di riferimento interessata alla futura destinazione di una porzione del complesso;

1) attuare la Dichiarazione di uso civico e collettivo urbano elaborata e approvata dall’assemblea Cavallerizza 14.45 a maggio 2018 con un percorso partecipato e pubblico, come da Mozione del Consiglio comunale n. 69/2017, 03094/002, e successivamente consegnata all’Amministrazione comunale;

2) provvedere – nei limiti delle proprie possibilità – di comune accordo a liberare l’intero complesso immobiliare da persone e cose, e più precisamente nel corso della corrente settimana per l’allontanamento delle persone che vi vivono e lavorano ed entro la settimana successiva per il trasferimento dei beni, al fine di consentire la messa in sicurezza degli spazi e l’avvio degli interventi di manutenzione del complesso;

3) consentire la ricollocazione di eventuali beni materiali risultanti dalla liberazione del complesso in spazi idonei messi a disposizione della Città di Torino all’espresso scopo di favorire l’avvio nei tempi più rapidi dei già citati interventi manutentivi.

IL COMUNE DI TORINO a

a) riconoscere l’uso civico e collettivo urbano, come da Mozione del Consiglio comunale n. 69/2017, 03094/002, sulle porzioni di Cavallerizza nella disponibilità della Città di Torino;

b) consentire, nelle more della realizzazione degli interventi di messa in sicurezza e di manutenzione di cui alle premesse, il temporaneo svolgimento delle attività artistiche e la collocazione degli eventuali materiali che hanno trovato riferimento nel complesso in altri spazi adeguati, mediante ricorso a strumenti di assegnazione informati ai regolamenti e procedure proprie della Città di Torino;

b) coinvolgere le assemblee pubbliche il soggetto di cui al punto 1), sulla base e in osservanza delle procedure previste dal Regolamento dei beni comuni della Città di Torino, nelle decisioni relative al complesso della Cavallerizza alla porzione del complesso immobiliare che già in questa sede viene individuata nell’area “Sala delle Guardie”, come indicata nell’allegato A), e dell’uso della relativa porzione di corte, compatibilmente con le esigenze di messa in sicurezza, il medesimo spazio verrà reso disponibile non appena ultimati tali lavori, nell’ottica di assicurare la continuità dell’esperienza artistica e culturale già avviata; gli interventi predetti avranno luogo con la massima celerità, nel rispetto del quadro normativo vigente;

c) rigettare qualsiasi tentativo di privatizzazione anche parziale del complesso, ponendo dei limiti in merito alle destinazioni d’uso degli spazi che devono essere volti ad ospitare esclusivamente aree ad uso espositivo, culturale e relative a servizi pubblici.

incrementare la proprietà pubblica e massimizzare l’utilizzo pubblico delle porzioni monumentali della “ex Cavallerizza Reale”;

d) attivare ogni possibile percorso pubblico per individuare soluzioni abitative a favore delle persone in condizione di disagio, utilizzando gli strumenti delle politiche sociali e abitative della Città di Torino;

e) individuare spazi idonei a garantire la continuità delle manifestazione di particolare rilevanza (ad esempio, “Here”, “Anomalie”, “Agorà”…);

f) favorire, nelle more dei lavori di sistemazione della “Sala delle Guardie”, l’utilizzo temporaneo di spazi di prossimità per lo svolgimento, con cadenza settimanale, dell’attività assembleare, da concordare con il soggetto gestore (CDP).

LA PREFETTURA

Svolgerà costante attività di monitoraggio sullo svolgimento del percorso così concordato attraverso periodiche riunioni con i sottoscrittori del presente verbale, a garanzia di quanto convenuto, al fine di tutelare la pubblica incolumità e di favorire lo sviluppo e la coesione sociale del territorio.

LE PARTI

Si impegnano a costituire di comune accordo un Osservatorio che vigili sull’attuazione del protocollo. La composizione dell’Osservatorio assicura un’adeguata rappresentanza di tutte le anime dell’Assemblea pubblica di Cavallerizza di cui al punto 1). L’organo decide per consenso.

Si impegnano a verificare congiuntamente l’attuazione del presente verbale di intesa entro 7 giorni dalla costituzione del comitato di scopo – o altra realtà collettiva dotata di soggettività giuridica – e dall’Approvazione del Regolamento sui Beni Comuni da parte del Consiglio Comunale.

Dopo la costituzione dell’entità giuridica di cui sopra, potrà essere sottoscritto, entro la medesima data un atto confermativo del presente verbale e, ove necessario, un atto integrativo.

Si impegnano, inoltre, a istituire un tavolo permanente che, con cadenza mensile, verificherà il percorso delineato dal presente verbale.

Torino, 17 novembre 2019

 

In attesa del regolamento sui beni comuni della città vi proponiamo questi due video.

Da diversi mesi ormai l’Assemblea Cavallerizza 14:45, l’Associazione Salviamo Cavallerizza e tutti i Cittadini attendono l’uscita del nuovo Regolamento dei Beni Comuni della Città di Torino. Regolamento da questa giunta più volte annunciato come imminente ma che continua a essere oggetto di mistero, tranne che per i funzionari e dirigenti comunali che ci stanno lavorando e ai quali – almeno per quello che si può capire dalle notizie ufficiose che sono filtrate – poco garberebbe che si utilizzi l’espressione “Uso Civico”. Attendiamo tutti, impazienti, aggiornamenti.

Nel frattempo il dibattito sui beni comuni prosegue la sua strada, animato da un lato dall’ampia comunità che considera i Beni Comuni di proprietà del Popolo, dall’altra dai promotori di una proposta di legge di iniziativa popolare nella quale non si parla di “proprietà del Popolo” ma si esalta la dicotomia – tipica del pensiero neolberista – che distingue e divide la collettività in soggetti pubblici e soggetti privati.

Giocare con le parole “Bene Comune” è facile e ciò può creare confusione… Riteniamo utile proporvi quindi, per approfondire il tema, due contributi del prof. Paolo Maddalena, ex giudice emerito della Corte Costituzionale e di Mauro Scardovelli, giurista e piscoterapeuta.

In essi viene ben illustrato il concetto di “Bene Comune”, in special modo collegando il significato di questa espressione a quanto viene espresso nella nostra Costituzione. Cioè che al centro di tutto c’è e deve esserci l’interesse della collettività, l’interesse di tutti i cittadini di oggi e di domani.

Buona visione.

Associazione SalviAMO Cavallerizza

“Perché dico NO al testo sui BENI COMUNI della Commissione Rodotà” – Paolo Maddalena
https://www.youtube.com/watch?v=HMmEKL4dla0

“I BENI COMUNI SONO LE COSE CHE CI APPARTENGONO” – Paolo Maddalena e Mauro Scardovelli
https://www.youtube.com/watch?v=rjWz8mpXS_E&t=7s

 

On Wed, Apr 24, 2019 at 4:16 PM Barbara Armaroli <barbara.arma@gmail.com> wrote:
ciao ecco cosa ho pensato di scrivere sulla pg fb dell’associazione e anche sul sito.
Da quattro mesi attendiamo impazienti l’uscita del nuovo regolamento dei beni comuni della città di Torino, regolamento annunciato in consiglio comunale il 13 dicembre dell’ass. Giusta come imminente, ma che continua a essere un mistero.
Nel frattempo il dibattito sui beni comuni prosegue la sua strada, da un lato una comunità ampia che considera i beni comuni di proprietà del popolo e dall’altra una proposta di legge di iniziativa popolare dove non si parla di proprietà del popolo ma della dicotomia liberista pubblico/privato.
Riteniamo che giocare sulle parole bene comune possa creare confusione e abbiamo quindi pensato di proporvi due video del prof Paolo Maddalena (ex giudice emerito della Corte Costituzionale) il primo e di Paolo Maddalena e Paolo Scardovelli (giurista e piscoterapeuta) il secondo, dove viene bene spiegato il significato di bene comune, soprattutto al suo significato nella nostra costituzione, dove al centro di tutto c’è l’interesse della collettività che è un concetto che va oltre la dicotomia pubblico/privato. Al centro deve sempre essere posto l’interesse di tutti i cittadini di oggi e di domani.
Il primo video è molto breve e il secondo più lungo, ma merita assolutamente la vostra attenzione.

1-20 ottobre MUSEO VIVENTE

1-20 ottobre Dall’1 al20 ottobre 2018 il Museo Vivente apre  i cancelli ai piani della Cavallerizza per costituire una barricata vivente – presidio permanente. Barriera corallina/collezione di opere d’arte e artisti attivi per opporsi allo sgombero e alle resistenze che vogliono impedire a Cavallerizza Reale Bene Comune di esistere. Barricata d’arte, di corpi, opere e pensiero.Bellezza in-contro deturpazione. Concentrazione di valore, rete, intreccio vivente che reagisce e agisce. Riparo fatto d’intenzioni concrete e realizzazioni poetiche, dipresenza che non è mai assenza. Barricata inequivocabile al disordine. Invitiamo gli artisti, i musicisti, i performer e i curatori a partecipare con iniziative qui alla Cavallerizza nei tre piani della manica dal 1 al 20 ottobre dalle 15 alle 21 tutti i giorni.

Lunedì ore 17.30 incontro Museo Vivente  III piano della manica prospicente igiardino con ingresso dallo scalone centrale.

23/5/2018 – 4 anni di occupazione verso l’uso civico

A 4 anni dall’occupazione di Cavallerizza Reale vi invtiamo MERCOLEDI’ 23 MAGGIO ALLE 18.30.

L’invito è rivolto a tutt* coloro che vogliano partecipare a quello che sarà un punto di svolta del percorso della Cavallerizza, autoproclamatasi Uso Civico.

Ci confronteremo sul percorso di 4 anni in Cavallerizza.
Un percorso di autogoverno che ha portato a rivendicare lo spazio come uno luogo ad uso collettivo, che ha dato luce a HERE – che raggruppa i contributi di oltre 500 artisti – all’apertura del primo Laboratorio Serigrafico pubblico a Torino, alla cucina “La Zappata”, al nascente Museo Vivente (una collezione permanente di Opere d’arte in Cavallerizza), alla CLAP (un luogo di supporto per lavoratori e lavoratrici precari), al Gruppo Giardinabilità che cura giardino e orto comunitario, al Progetto Radio, al Progetto Ciclofficina Popolare, al Progetto Didattica destinato ai più piccoli, al nascente progetto Donne Resilienti, al Gruppo Giocolerizza (uno spazio di allenamento e confronto per gli artisti circensi), al Gruppo Agorà (attivatore di progetti all’interno della Cavallerizza), oltre alle consuete attività di accoglienza, teatrali, musicali e di sostegno alle produzioni artistiche.

“LA CAVALLERIZZA È PER TUTTI”

—————————————-

La Cavallerizza Reale è stata occupata ormai quasi 4 anni fa, il 23 maggio 2014, con l’obiettivo di bloccare la vendita ai privati ed esigere che il patrimonio collettivo non fosse consegnato in mano alle banche. “Cavallerizza è per tutti” è lo slogan riportato dallo striscione all’entrata del complesso. Lo scopo principale dell’occupazione, infatti, è sempre stato quello di dare uno spazio di libertà alla Cittadinanza per accoglierne i propri bisogni e desideri.
All’interno della Cavallerizza la Cittadinanza si autoorganizza attivamente usando il Bene Comune secondo quelli che sono dei valori comuni di solidarietà sociale. L’uso non privato, l’orizzontalità del metodo decisionale e l’amministrazione diretta della Cittadinanza, sono sempre stati i principi cardini di questa realtà. Chiunque rispetti e condivida i valori e le regole di utilizzo potrà contribuire alla costruzione dello spazio. Il contrapporsi all’individualizzazione dell’uso delle risorse, alla massimizzazione del profitto di pochi e all’atomizzazione sociale, lavorativa ed emotiva è uno degli strumenti per rispondere alle esigenze di lotta che il presente ci impone.
Nei suoi 4 anni di occupazione la Cittadinanza è riuscita a creare un valore culturale e sociale che emerge dalle sole mura. Cavallerizza è oggi una realtà con un’esperienza politica e poetica, di partecipazione, conflitti, arte, socialità, bellezza. Per questa ragione chiamiamo la Cavallerizza Bene Comune emergente. Un Bene Comune, per sua natura, deve essere preservato per le generazioni future: ne deve essere garantita accessibilità, fruibilità, attraversabilità, un uso non privatistico e non speculativo.
Cavallerizza è quindi assimilabile a quelle risorse comuni che negli spazi rurali venivano chiamati usi civici, destinati ad essere utilizzati e creare valore per la comunità. L’uso civico ha comportato la scrittura, nero su bianco, del modo con il quale la “comunità di riferimento” dell’Assemblea Cavallerizza prende le decisioni e del modo con il quale si realizzano le attività che si svolgono al suo interno.
Per questo oggi rivendichiamo la nostra esistenza e vogliamo che anche le istituzioni riconoscano che la Cavallerizza è già un Bene Comune e, in quanto tale, destinata all’uso collettivo della Cittadinanza. L’istituzione si trova a dover riconoscere le regole che l’assemblea stessa si è data e quindi l’azione indipendente dei cittadini all’interno dello spazio.
Da fine novembre 2017 abbiamo dunque raccolto e discusso le consuetudini con cui la comunità agiva all’interno dello spazio e abbiamo prodotto una carta dei valori e un regolamento per l’autogestione degli spazi.
Questo per soddisfare uno dei primi criteri fondamentali ossia garantire l’accessibilità del bene a tutta la Cittadinanza: un atto di trasparenza sul “come” si agisce in Cavallerizza. Tutto in Cavallerizza avviene e avverrà alla luce del sole, senza alcun accordo in forma privata. Anche qualora il Comune di Torino decida di riconoscere l’uso civico e collettivo degli spazi della Cavallerizza, sarà però importante che all’Assemblea partecipino cittadini attivi, consapevoli e in lotta, per presidiare il comportamento delle istituzioni, prime vere colpevoli dell’abbandono e del degrado della Cavallerizza.
Le persone che parteciperanno potranno quindi contribuire e lottare affinché Cavallerizza sia sempre un Bene Comune sempre aperto, libero, solidale per tutti e tutte.

L’invito è quindi rivolto a tutti i cittadini che vogliano partecipare a quello che sarà un punto di svolta storico della vita di Cavallerizza, autoproclamatasi Uso Civico.
L’appuntamento è per mercoledì 23 maggio 2018 alle ore 18:30 con la Cittadinanza nel cortile della struttura, dove ci confronteremo sul percorso di 4 anni in Cavallerizza. Un percorso di autogoverno che ha portato a rivendicare lo spazio come uno luogo ad uso collettivo, che ha dato luce a HERE – che raggruppa i contributi di oltre 500 artisti – all’apertura del primo Laboratorio Serigrafico pubblico a Torino, alla cucina “La Zappata”, al nascente Museo Vivente (una collezione permanente di Opere d’arte in Cavallerizza), alla CLAP (un luogo di supporto per lavoratori e lavoratrici precari), al Gruppo Giardinabilità che cura giardino e orto comunitario, al Progetto Radio, al Progetto Ciclofficina Popolare, al Progetto Didattica destinato ai più piccoli, al nascente progetto Donne Resilienti, al Gruppo Giocolerizza (uno spazio di allenamento e confronto per gli artisti circensi), al Gruppo Agorà (attivatore di progetti all’interno della Cavallerizza), oltre alle consuete attività di accoglienza, teatrali, musicali e di sostegno alle produzioni artistiche.

26/11/2017 Scriviamo insieme il regolamento di uso civico per Cavallerizza

Oggi, così come è avvenuto in questi anni, sono molti/e i/le cittadini/e che partecipano attivamente alla vita di Cavallerizza o semplicemente fruiscono delle attività e attraversano gli spazi.

Ma sono ancora di più quelli/e che tengono al futuro di questo luogo.

Questo è un appello a tutti/e coloro che credono nella forza e nell’importanza del processo che sta avvenendo.

Nei prossimi tre mesi si apre un importante nuovo capitolo di questa mobilitazione cittadina, che è anche un processo innovativo per la città e a livello nazionale.

In tre anni di autogoverno la comunità aperta, eterogenea, in continuo mutamento che ha animato Cavallerizza ha sperimentato forme di gestione di un bene comune costruendo nuovi strumenti di relazione, di co-creazione artistica e di uso collettivo della Cavallerizza.

Oggi, attraverso questo processo istituente, metteremo nero su bianco i criteri di uso degli spazi, così da renderli ancora più accessibili.

Questo è il momento di unirsi Tutt* intorno un obiettivo comune. Questo è il momento di esserci, per la Cavallerizza!

Da domenica 26 novembre alle 17:00 in Cavallerizza, via Verdi n. 9 Torino

#Cavallerizzapertutti
#ScriviamoInsieme
#Usocivico

Assemblea Cavallerizza 14:45

A seguire uno spettacolo

“Un solo clown” https://www.facebook.com/events/511244339241365/

 

 

 

Assemblea cittadina 26 aprile 2017 ore 19.00

Il Comune di Torino organizzerà un incontro in Cavallerizza nel mese di maggio con l’obiettivo di dichiarare quali “possibilità” l’amministrazione ha individuato per il futuro della Cavallerizza, in particolare per quanto riguarda la parte del Maneggio Alfieriano.

Tuttavia, mentre l’assessore al bilancio Rolando diffonde la notizia del coinvogimento dei privati e della “resurrezione” del Masterplan commissionato a Compagnia di San Paolo dall’ex Giunta PD, appaiono sui giornali articoli piuttosto preoccupanti ove alcuni soggetti (da consiglieri del PD a soprintendenza a Musei Reali) sembrano auspicare la conclusione dell’esperienza Cavallerizza.

Ci troviamo dunque mercoledì 26 aprile alle 19:00 e mercoledì 3 maggio alle ore 19:00 in Assemblea Cittadina per discutere di come affrontare i rapporti con l’amministrazione e l’incontro di maggio 2017.

12 marzo 2017 incontra-immagina-progetta call gruppi cavallerizza

Anche  quest’anno invitiamo la cittadinanza a unirsi alle domeniche di partecipazione, in particolare chiamiamo tutti coloro che sono interessati a portare avanti questo progetto a aiutare i gruppi di lavoro a crescere.

Vi aspettiamo domenica 12 marzo dalle 17.00 alle 20.00

CALL GRUPPI CAVALLERIZZA

MUSICA: Il gruppo musica riparte con la chiamata aperta a tutti i musicisti e tecnici del suono,che sono interessati a creare cultura e produzione musicale all’interno di cavallerizza. La cavallerizza ha bisogno di nuove menti, di nuove idee e di braccia, che hanno il piacere di creare e sviluppare i loro progetti con noi, aiutandoci ad organizzare ed preparare gli spazi che ancora devono essere resi agibili per fare attività. Vi aspettiamo numerosi e vogliosi di condividere insieme le proprie esperienze.
mail lab.musica@cavallerizzareale.org

POLO LETTERARIO:SI occupa delle proposte culturali legate alla scrittura.
Letteralmente, letterariamente, di letterario, sulla letteratura, ci interessano tutti gli aspetti.
Crediamo che la dieta migliore per i lettori sia onnivora.
mail: pololetterario@cavallerizzareale.org

ARTI CIRCENSI: tra le sue tività: Giocolerizza: uno spazio di allenamento libero per giocolier* , breakers e qualsivoglia forma fisico – artistica in un ambiente ampio e aperto alla sperimentazione.
Ricerca persone interessate a: creare laboratori/workshop, costruire insieme spettacoli sia con produzioni interne a cavallerizza sia lasciando spazio a progetti in collaborazione e al miglioramento degli spazzi.
mail giocolleria@cavallerizzareale.org

AGORA’: uno spazio di discussione e organizzazione di momenti di sensibilizzazione sociale e politica. Percorsi attivi beni comuni, punto tutela lavoro.
mail agora@cavallerizzareale.org

COMUNICAZIONE: il gruppo si occupa di mettere in relazione i gruppi e di diffondere le inziative che si svolgono in cavallerizza, servono grafici e persone che hanno voglia di cimentarsi sulla comunicazione web e social.
mail comunicazione@cavallerizzareale.org

10 dicembre 2016 call for Makers

La Cavallerizza, non è solo teatro, musica e arti visive ma anche artigianato, autocostruzioni e artigianato digitale.


Sabato 10 Dicembre dalle ore 15:00 invitiamo:
– maker per la creazione di un laboratorio di artigianato digitale
– falegnami per la costruzione di una falegnameria
– fabbri per la realizzazione di un laboratorio di lavorazione metalli
– amanti della bicicletta per l’apertura di una ciclofficina

Se sei un maker, un falegname, un amante della bicicletta, un fabbro, un inventore pazzo o un instancabile smanettione allora ti aspettiamo Sabato 10.

Vi invitiamo a partecipare numerosi, in Cavallerizza c’è bisogno anche di te.

20 ottobre 2016 CALL Comunicatori

La Cavallerizza è uno spazio che la cittadinanza ha liberato dal degrado per opporsi alla vendita a privati.
La comunicazione del nostro impegno quotidiano e della nostra produzione culturale è un punto fondamentale per far crescere quest’esperienza.
Se hai competenze in campo grafico/web/ufficio stampa o semplicemente vuoi dare il tuo contributo, ci vediamo giovedì 20.10.2016 alle 19.00 al primo piano della Cavallerizza Irreale!