14/10/2018 Assemblea Pubblica Cavallerizza

A maggio 2014 un gruppo eterogeneo di cittadini, artisti e operatori della cultura, ha liberato la Cavallerizza Reale dal degrado e dall’abbandono, restituendola alla fruizione collettiva quale bene comune.

L’azione di questo gruppo di persone – informale, mutevole e aperto – ha difeso un bene tutelato dall’Unesco da una speculazione che lo avrebbe trasformato in un “hotel de charme”, con la complice indifferenza delle istituzioni.

Questo gruppo eterogeneo di cittadini – che si è dato il nome di Assemblea Cavallerizza 14:45 – si è unito intorno a valori fondamentali quali antifascismo, antirazzismo, antisessismo, uso collettivo e non proprietario degli spazi, l’orizzontalità delle decisioni sempre prese in modalità pubblica e assembleare.

Così come riportato nell’appello sottoscritto da diecimila persone, che ha sancito la volontà della collettività di una Cavallerizza libera da egoismi e egemonie.

Come Assemblea Cavallerizza 14:45 ci dissociamo e non riconosciamo come legittimi e coerenti alle nostre pratiche:

  • comportamenti violenti, sessisti, omertosi e intimidatori,

  • atti di appropriazione arbitraria ed esclusiva di spazi e risorse collettive,

  • l’affidamento ad enti privati (associazioni, fondazioni etc) della gestione della Cavallerizza Reale.

Per questo rivendichiamo quei valori che hanno consentito a migliaia di persone di attraversare, di fruire di una Cavallerizza liberata dal degrado e pubblica, e respingiamo con forza qualsiasi pratica egoista e autoritaria.

Assemblea Cavallerizza 14:45 è stata, ed è, un esempio di gestione non proprietaria di un bene comune e ha instaurato con la cittadinanza un rapporto trasparente e partecipativo ed è stata delegata (con la mozione n. 2017 03094/00 ) a garantire il buon andamento della scrittura delle prassi che in quattro anni di occupazione si sono sviluppate all’interno delle mura della Cavallerizza Reale.


Questo è stato un lavoro lungo, centinaia di persone tra novembre 2017 e maggio 2018 hanno partecipato ogni domenica alla scrittura del Regolamento di uso civico collettivo urbano approvato definitivamente maggio 2018.

Vogliamo fare chiarezza ancora una volta su cosa sia questo documento:

  • Il valore del nostro processo non risiede soltanto nel pregio dell’immobile che lo ospita, che prioritariamente difendiamo in quanto patrimonio pubblico, ma anche nelle pratiche partecipative che ne garantiscono una fruizione comune,

  • l’Assemblea Cavallerizza 14:45 non si riconosce in forme di diritto privato come cooperative, fondazioni o associazioni, ma che queste possono nella loro autonomia creativa e organizzativa, partecipare attraverso le assemblee e tavoli di lavoro, partecipare in modo paritario alla vita dello spazio,

  • queste regole non sono astratte, ma nascono da consuetudini di uso, non sono cristallizzate ma possono certo migliorare e essere modificate attraverso il processo di partecipazione,

La nostra grammatica dei beni comuni si fonda sull’autonomia dei processi, ma anche sulla loro interdipendenza.

Assemblea Cavallerizza 14:45 chiede agli/alle abitanti di questa città di respingere ogni forma di comportamento violento e autoritario che inficia il processo di partecipazione impedendo la fruizione di un bene comune.

Chiediamo a questa Amministrazione di respingere qualsiasi ipotesi di concessione e affidamenti a soggetti privati non rispettosi dei valori fondanti l’Assemblea, soggetti che vorrebbero trasformare l’uso civico in” negozi di diritto privato” o amministrati da soggetti privati mascherati sotto il nome di associazione o fondazione (una follia che rischia di far fare alla Cavallerizza la stessa ingloriosa fine dellesperienza del Teatro Valle). Auspichiamo che fra le varie fasi propedeutiche alla modifica dell’attuale regolamento dei beni comuni sia stato prevista l’apertura di un tavolo di partecipazione volto a recepire i suggerimenti e le integrazioni da parte della cittadinanza.

L’uso civico non prevede legalizzazioni privilegiando soltanto alcuni, non difende lo status quo di un collettivo, non può essere la deresponsabilizzazione del pubblico trasferendo sui cittadini oneri di manutenzione straordinaria o cura minima delle strutture. Per questo continuiamo a chiedere che il prossimo regolamento dei beni comuni della città di Torino preveda l’acquisizione di questo corpus di regole, che trasformi la possibilità in una realtà concreta, come già accaduto in altre città.

Convochiamo l’Assemblea Cavallerizza domenica 14 ottobre 2018 ore 18,00

Odg

  1. applicazione del regolamento e nomina comitato dei garanti,

  2. accoglienza progetti

  3. varie ed eventuali

Assemblea Cavallerizza 14:45:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...