22 luglio 2016 Cena e man at the Doors

Venerdì 22 luglio 2016 cena e musica in Cavallerizza.

Cavallerizza Irreale, presenta:
h.20 Cena Sovversiva
h.22 Concerto “Men At The Doors”

Ecco un’anticipazione del menù:
-Orto-Pasta
-Crespelle di ceci alla greca
-Insalate estivissime

“La cucina come mezzo per trasformare il consumo di cibo in esperienza di relazioni diverse e di nuovi modelli di produzione e consumo. Come luogo di socialità, dove far “lievitare” comunità orizzontali. Vogliamo diffondere pratiche di cucina sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale. Affinché cucinare cibo sano a prezzi popolari diventi una pratica condivisa.”

a seguire… concerto “Men At The Doors”

“Il progetto “Men at The Doors” prende vita nel 2006, da un’idea del batterista Adriano ‘Driade’ Polito e del cantante Swan, che con tanto di chitarrista e tastierista al seguito fondano la tribute band di uno dei gruppi più controversi e geniali del rock. Dopo qualche anno di attività la band si concede un lungo stop in seguito all’avvicendamento di due componenti. Swan, autentico clone del vero Morrison nelle movenze, nel look e nella timbrica vocale non abbandona l’ambizioso progetto e con l’aiuto dell’amico Driade si mette sulle tracce dei musicisti adatti a riempire le caselle rimaste scoperte. Vengono contattati e ingaggiati Carlo “Charliestar” Battistella, chitarrista torinese già attivo in diverse altre band con la passione in particolare per i Rolling Stones e Francesco “Cekko” Aubry, tastierista da Cuneo impegnato in un tributo ai Pink Floyd e altri progetti paralleli. Siamo nell’estate 2014 e basta una sola prova a far capire ai quattro che l’impresa di riportare in vita il magico sound dei Doors a cavallo tra Blues e Psichedelia è fattibile. Allo studio della scaletta e delle parti si affianca parallelamente l’intenzione di offrire uno spettacolo che coinvolga anche la parte visiva e si mettono a punto le idee sul look (perfetto stile anni ’60 ispirato agli abiti di Morrison, Manzarek e soci) e sulle soluzioni sceniche da adottare. La cura e l’attenzione nella ricerca del sound trovano la giusta dimensione mediante l’utilizzo di strumentazione vintage originale, dalle chitarre al celebre organo Vox utilizzato dallo stesso Manzarek. Ovviamente e volutamente manca il bassista e le parti vengono affidate alla mano sinistra di Cekko sulle note basse di Rhodes proprio come succedeva col Fender Piano Bass.
Dopo poche settimane e tanto impegno tutti questi elementi si fondono per dare vita ad uno spettacolo accolto con entusiasmo sin dalle prime date autunnali. Nel 2016 viene inserito all’interno dello spettacolo nelle situazioni e eventi di rilievo ,l’ingresso di un personaggio molto caro ai Doors: Pamela Courson, una cantante di Torino Dany Di, interpreta la storica compagna di Jim Morrison vestita con gli abiti dell’epoca, sale sul palco tra luci e fumo e balla sulle note di Love Street con la proiezione simultanea delle immagini reali della vita di Pamela, creando un momento magico, emozionante e originale che nessun’altra tribute band dei Doors ha mai messo in scena. In breve tempo i “Men at The Doors” vengono ingaggiati in numerosi locali della cintura Torinese e vedono crescere esponenzialmente la cerchia di affezionati e appassionati del genere….il resto…sta per accadere…”

nei portici della Cavallerizza
Ingresso e cena up to you

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...