LaVoratorio – Teatro in Divenire

Assemblea Cavallerizza vi ricorda le attività del                           mercoledì, ore 19:30-22:30

Cavallerizza – Foyer manica corta

lavoratorio.cavallerizza@gmail.com

Fare teatro è troppo facile,

non farlo, è difficile.

 

Qual è il vero potere del teatro? È possibile restituire a questa dimensione – oggi depotenziata, ridotta a fabbrica di “spettacoli” e a luogo in cui la separazione tra attori (attivi) e pubblico (passivo) si è fatta netta e invalicabile – il suo antico valore di creazione di legami sociali e di meditazione collettiva sui grandi misteri dell’esistenza? Decostruire la macchina che replica convenzioni e riproduce cliché per ricreare un dispositivo che aiuti a riprendere contatto con la forza e la verità che legano tra loro tutti gli individui, al di là delle loro differenze?

 

La proposta del LaVoratorio, nato da una sperimentazione metodologica ed esperenziale proposta da Michele di Mauro nel corso degli ultimi tre anni, è quella di un Lavoro “di comunità” incentrato sullo STARE filosofico e Psico-scenico. Sull’Attenzione e sull’Ascolto, sull’Astrazione e sulla Distrazione, sull’Altrove e sulla Concretezza, sulla meraviglia dello Sguardo e sulla Sospensione.

 

È un Territorio di Frequentazione Pre-teatrale , un luogo per buttare via le scorie che le professioni o i compromessi personali ci hanno lasciato attaccate, e che germinano presunzione e falsa modestia, desideri di autocelebrazione e, in sostanza, mettono l’IO al centro del tutto, dimenticando tutto il resto.

 

È un Allenamento all’Improvviso, volto a migliorare la capacità di tener conto di ogni cosa che accade, e di formulare l’azione più corretta per proseguire il lavoro nell’immediatezza, a partire da un “punto vuoto” di apertura vigile e disarmo concettuale. Un allenamento che non ha niente a che fare con l’improvvisazione classica, basata su un repertorio di gesti giù assimilati e pronti per essere usati all’occasione.

 

È un Lavoro semplice e insieme profondo, adatto a tutti. Che attraverso semplici indicazioni (la definizione di uno spazio, alcune poche coordinate di postura e atteggiamento) si propone di contrastare l’automatico ricorso a stereotipi fisici e verbali, alle competenze pregresse e in generale a ciò che già si sa fare. Per raggiungere una superiore qualità di consapevolezza e attenzione, e la capacità cogliere in maniera sempre più oggettiva e concorde, all’interno del gruppo, la particolare relazione dei corpi nello spazio.

 

 

Il LaVoratorio si fonda sulla Gratuità, di chi lo gestisce, io, e di chi lo frequenta: attori, allievi, musicisti, videomaker, performer, autori, persone interessate in generale al mondo dell’arte.

 

 

 

“Mi piacerebbe pensare che la mia proposta di LaVoratorio continui ad essere un modo
per interrogarsi sui percorsi di Avvicinamento alla Creazione.

Attraverso l’Analisi del Lavoro mi piacerebbe poter arrivare all’esplicazione
di nuovi metodi di approccio alla Sospensione pre-creativa.

Mi piacerebbe poter condiVivere una teorizzazione nuova

nata dalla frequentazione e dal lavoro di una “Comunità” esperienziale:

scrivere insieme le pagine di un Itinerario verso la Consapevolezza dello Stare”.

 

Michele Di Mauro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...