CS: Arriva la soluzione per la Cavallerizza: un super- condominio!

Oggi abbiamo partecipato alla V Commissione Consiliare Permanente, convocata in merito alla questione Cavallerizza e all’audizione delle società Homers ed Equiter (che – ci dicono – aver ricevuto l’incarico dalla Compagnia di San Paolo, su richiesta del Comune senza alcuna procedura di evidenza pubblica).

Nella sala molti cittadin* ma pochissimi consiglieri e solo la società Homers; la società Equiter ha disatteso la chiamata istituzionale perché “in ferie”.

I cittadin* erano presenti per capire qualcosa in più:
l’architetto Robiglio – società Homers – ha reso noto di essere a metà del percorso di definizione del sistema di regole e di assetto degli spazi.
Dapprima ha evidenziato la necessità di guardare Cavallerizza nel suo insieme, tuttavia, dopo trenta minuti di digressione storica e architettonica, è arrivato alla conclusione che la Cavallerizza non ha mai avuto un assetto unitario. Abbiamo dunque compreso che non si è trattato di un semplice sfoggio di erudizione, ma di un artificio per giustificare un futuro smembramento del complesso.

Altro argomento strettamente legato riguarda i vincoli storico – architettonici: il sistema dei vincoli secondo Homers non dovrà essere omogeneo ma dovrà tener conto delle diversità dei luoghi e delle funzioni ad essi adibiti. Immediata la nostra preoccupazione: per hotel/hostel de charme e residenze i vincoli architettonici potranno essere ridotti?

Alla domanda della consigliera Appendino, in merito alla poca chiarezza sullo sviluppo della progettazione partecipata, Homers ha risposto che, ad oggi, la stessa è in una fase di cosiddetto “ascolto”; sono stati intervistati circa 40 soggetti, alcuni appartenenti alla scena culturale torinese e altri provenienti da una così definita “terra di mezzo” tra istituzioni e cittadinanza. Sulle modalità di scelta e l’identità degli intervistati, durante l’audizione, non è stata data alcuna informazione.

L’architetto ha precisato di operare nel perimetro definito dall’amministrazione cittadina, ed ha più volte ribadito il concetto che la funzione di utilità pubblica può essere esercitata anche da un privato.

In tal senso, per rendere appetibili gli investimenti, l’arch. Robiglio ha parlato chiaramente di privatizzazione dei piani superiori. Homers ritiene, inoltre, che sia necessaria la presenza di un soggetto complesso che amministri lo stabile. Per far ciò ritiene imprescindibile che venga adottato il modello del “supercondominio”.
Riguardo i cosiddetti usi temporanei (ossia che non faranno parte del progetto definitivo), si è parlato di un’aula studio e di una residenza per studenti, usi che dovrebbero modificarsi al termine del processo di rifunzionalizzazione.

Tale processo, a giudizio dell’architetto, dovrebbe costare 100 milioni di euro e comporterebbe un cantiere aperto per 25 anni.

Infine, è stato lamentato il rifiuto dell’Assemblea Cavallerizza di partecipare al percorso da loro proposto.

Ci piacerebbe molto prendere parte al percorso se ciò non implicasse l’accettare la privatizzazione dell’80% del complesso, se fossero chiare le modalità di partecipazione, gli obiettivi di progetto e l’effettivo peso della proposte dei cittadini sulle decisioni finali.

Durante l’incontro, Homers ha negato la presenza di qualsiasi interesse speculativo per la Cavallerizza. Nessuno la vuole perché pare si tratti di un cattivo investimento ma, a quanto pare, chi disprezza compra.
Si fanno i nomi di Gustavo Denegri, patron del ristorante “Il Cambio” e uomo più ricco di Torino, con un patrimonio di 1,1 miliardi di dollari, e di Gastaldi Holding, una grande, ma molto discreta, private company multinazionale, attiva nei trasporti, nel turismo con un ramo specializzato nei viaggi incentivo extralusso. Un affare per pochi soggetti che certamente potranno godere di condizioni ancora più favorevoli dopo l’incendio doloso dell’estate scorsa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...